Soldi soldi soldi

Un anno e mezzo fa, entrammo per la prima volta in Australia con il chiaro obiettivo di lavorare il più possibile per riempirci le tasche. L’idea era quella di mettere da parte una somma di denaro intorno ai 20.000 euro in due anni di tempo. In realtà gli stipendi qui erano sorprendentemente molto alti e ben presto le nostre aspettative iniziarono a quadruplicare. Pian piano volevamo accumulare sempre più soldi per il viaggio senza accorgerci che lavoravamo 7 giorni su 7 e ci vedevamo solo qualche ora la sera prima di morire sul letto.

Quant’è alto il prezzo dei sogni?!

Nel mio futuro, tuttavia, spero di averci a che fare il meno possibile coi soldi per un singolo e semplice motivo: il denaro ti trasforma in un avido schiavo.

Solo per citarne qualche esempio mi viene in mente uno dei nostri datori di lavoro che aveva iniziato a rimandare sempre più spesso i pagamenti con la banale scusa di dover pagare Caio, Tizio e Sempronio, senza mai avere la decenza di nascondere il suo elevato stile di vita che includeva fantastiche vacanze con la famiglia in lussuose pensioni. Come fai a dormire la notte sapendo che devi tanti soldi a dei poveretti che si sbattono tutti i giorni per te e per la tua attività? È questo che fanno i soldi, in parole povere, ti rendono uno stronzo.

Fermati un attimo, solo un secondo, a pensare: cosa ha davvero valore per te? Io ho iniziato a fare un elenco e ho capito che il denaro non ha un reale valore, ovvero non si può mangiare. Nonostante ciò siamo arrivati al punto in cui vendiamo più o meno metà del nostro tempo in cambio di soldi di cui non conosciamo nemmeno l’utilizzo ancora. Stiamo pian piano perdendo di vista il vero scopo del denaro a favore dell’avidità più sfrenata. Ho scoperto, tuttavia, che la vita è un dono molto più importante del valore del denaro, troppo prezioso da sprecare o da sottovalutare. Anzi inestimabile. Ogni istante è unico. 

Perth è una bellissima città piena di persone solari e dalla mentalità aperta, ma è come se fossimo in un paradiso con le catene al piede. È questo che non mi piace della società di oggi. Sento che il lavoro che svolgo non vale neanche un minuto del tempo che perdo per svolgerlo. Schiava del lavoro, non vedo l’ora di rincorrere di nuovo i miei sogni. Ci insegnano fin da piccoli a inseguire le nostre passioni e a lavorare tanto per i nostri desideri, poi però ci accorgiamo troppo tardi di aver lavorato talmente a lungo che ci siamo dimenticati di realizzarli.

Ora attendiamo con emozione quel giorno in cui ripartiremo alla scoperta del mondo che c’è fuori dalla finestra della nostra camera, alla scoperta dell’Australia che si nasconde fuori dalla città, le meraviglie attorno a noi. 

 
 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *