motoraduno,solla.neve

Elefantentreffen 2015

Un pò come tutti i motoviaggiatori eravamo attratti da questo celebre motoraduno invernale che da 59 anni si svolge in Germania all’inizio dell’anno. Nel gennaio 2015 abbiamo pensato fosse giunta l’ora di tentare questa avventura. Le difficoltà che accrescono il valore dell’impresa, ambita da molti viaggiatori in motocicletta e in sidecar, sono sicuramente le basse temperature, sempre di molto al di sotto dello zero, e la neve. Prima di partire per cui abbiamo costruito delle catene per le gomme in caso ci fosse troppa neve e non si riuscisse ad andare avanti. Quella mattina siamo partiti alle 6.00 con l’idea di arrivare a Thurmansbang-Solla con ancora la luce del sole.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La neve però, ancora mista ad acqua, ci ha sorpreso già dopo i primi chilometri. Una sensazione trasgressiva.. Non avevamo mai viaggiato con quelle condizioni in moto. Ma il peggio inizia ad Egna/Ora, dove inizia la vera bufera. La strada si tinge di bianco, superiamo spalaneve, facciamo lo slalom tra auto incidentate, e dalla corsia opposta si vedono i primi motociclisti che gettano la spugna tornando a casa. 

 

campeggio invernale

Finalmente superiamo il confine, le strade diventano scorrevoli ma salatissime, allora via a tutto gas fino a destinazione! A Munchen accendiamo il navigatore, che ci porta fino a Solla, dove NON troviamo alcuna indicazione per il motoraduno. Chiediamo per cui aiuto ad alcuni tedeschi a passeggio.. Parole inaspettate: “This is the wrong Solla“. Due Solla in Germania? Ebbene sì! Questi gentili ragazzi allora ci indicano la giusta direzione. Il sole scende fino a diventare buio, e in compagnia di alcuni motociclisti russi, finalmente arriviamo a questo fantastico raduno.

 

L’emozione era forte. Veniamo accolti da una distesa di tende e da moltissima gente radunata a bere attorno ai fuochi accesi. Mentre le stradine erano piene di motorette che sfrecciavano sul ghiaccio tra la gente ubriaca, noi ci piazziamo tra alcune tende e iniziamo a spalare un pò di neve.

 

La paglia da isolante per la tenda era già finita! Ma nel giro di pochi minuti veniamo accolti calorosamente da tutti i nostri nuovi vicini di casa. C’è chi ci offre da bere, chi da mangiare, chi ci presta il badile per scavare nella neve. La cosa più bella è stata sicuramente conoscere nuove persone lasciandoci trasportare dai racconti dei loro viaggi insieme seduti attorno ad un fuoco. La mattina ci svegliamo infreddoliti scoprendo che sta nevicando, ma un tedesco, probabilmente ancora ubriaco dalla notte, decide comunque di dare il buongiorno a tutti gettandosi nel laghetto ghiacciato della buca.

moto, motoraduno, germania

 

Quando decidiamo di rientrare, la moto si accende al primo colpo e via che si torna a casa prima che le strade diventino impraticabili. Record della temperatura toccata di giorno: -7 gradi, come 7 erano gli strati che avevo addosso per ripararmi dal freddo. Un bel fresco ma ne é valsa la pena!


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *