Le peripezie del Centro America

Dopo un tuffo nel passato originato dal mio subconscio, decidiamo che è arrivata l’ora di andare. Diciamo addio a questa echeggiante foresta amazzonica con la speranza di vederla vincere la guerra contro le lobby del petrolio che ogni giorno gli tolgono terreno. Auguriamo di cuore per l’ultima volta un “buona fortuna” ad Hector per il Continua

Ecuador: ai confini dell’Amazzonia

Lasciato il deserto alle spalle, ci troviamo davanti un’infinità di piantagioni, che si estendono per migliaia di chilometri. Eccoci in Ecuador! Ed è proprio qui che cresce il frutto più amato del mondo: la banana. Tutt’altro che sinonimo di dolcezza, però, le piantagioni di banane non sono più quel sogno esotico che tutti immaginiamo. Mentre viaggiamo Continua

La discesa verso la grande e caotica Lima

Dopo la fermata all’altissimo Machu Picchu, ceniamo la sera tardi nel solito localino dove allungo qualche pezzetto di carne alla cagnolina dagli occhi dolci, e ormai mia amica, che siede sempre sotto al nostro tavolo. Inizia la discesa verso il mare. Salutiamo i pappagalli verdi della giungla per scendere nuovamente tutti i tornanti di montagna. Continua

Cusco e l’ascesa alla leggendaria Machu Picchu

E Zuki ci porta fino alla città di Cusco, capitale dell’impero inca e conosciuta anche come l’ombelico del mondo. Circondato da verdi vallate dove cultura, tradizione e fede sono ancora lì dormienti ma vive, ci troviamo davanti ad una città molto più ricca e diversa dal resto del paese. Dietro le sue mura in pietra Continua

Questo verde Perù millenario

Costeggiando il grande lago Titicaca, ci accorgiamo di essere alle porte di un nuovo paese. Un Perù verde, dalle montagne piene di tornanti, dove ogni curva ti mostra uno scorcio nuovo della vallata ed inattese vedute delle gole, dove tocchiamo anche i 4800 metri di altezza, ed infine giungiamo lungo le dune di sabbia costiere Continua

Donne boliviane, sacrifici e pozioni

Risvegliati sotto un cielo grigio e tetro, prendiamo inevitabilmente tanta acqua mentre lasciamo per l’ultima volta il paese argentino e tocchiamo un confine sconosciuto. Non ci fanno neanche il timbro sul passaporto che siamo ufficialmente nel nuovo stato. Il caos.. Rumori assordanti ed incessanti di clacson. Schiamazzi di persone. Le urla dei venditori ambulanti. Un Continua

L’arido Desierto de Atacama e il Paso de Jama

Tornati in Cile, raggiungiamo poi un posto unico al mondo. Tra le Ande e l’Oceano Pacifico, sotto un cielo sempre azzurro e senza nuvole, giace proprio il deserto più arido del mondo in attesa della sua fioritura. Ci troviamo nell’assetato Desierto de Atacama. Confrontato con l’arida superficie di Marte dagli scienziati, questo luogo spettacolare si estende lungo Continua

Il Paso de Agua Negra e le montagne-arcobaleno

Dopo 2 giorni a Mendoza nella depandance di Susanna e Eduardo a gustare meloni verdi dolcissimi e crostate di membrillo, ci dirigiamo verso il confine con il Cile. Davanti a Zuki solo una strada sterrata di 150 km che attraversa un panorama surreale di montagna a 4780 metri d’altezza. Siamo sul Paso de Agua Negra. Non Continua

La risalita delle Ande

Risalendo la cordigliera delle Ande, facciamo tantissimi chilometri e attraversiamo la dogana 4 volte: Argentina-Cile, Cile-Argentina. Dopo un traghetto e 2 giorni di strada, finalmente troviamo un gran bel posto dove rilassarci su una scogliera che cade a picco sul golfo dell’oceano. Siamo a Caleta Olivia, affacciati sulla costa atlantica. Dato che la moto continua Continua

La magica Tierra del Fuego e il canto del ghiacciaio

Procedendo la nostra discesa verso sud ci rechiamo a El Calefate, una bella cittadina al confine con il campo di ghiaccio patagonico e che guarda orgogliosa al suo lago azzurro. Qui acquistiamo qualche provvista e facciamo visita al ghiacciaio Perito Moreno, un altissimo fronte di ghiaccio che nasce direttamente dalle vette andine, si dilunga per sterminati Continua

1 2 3 6